• Lampada_Home

  • Lampada_Home5

  • Lampada_Home4

La Glass Fusing è una particolare lavorazione manuale che consiste nel taglio e nell’assemblamento di diversi pezzi di vetro piano che a contatto con il calore (800-850°) diventano fluidi. La cottura, che viene effettuata prevalentemente con forni elettrici, ed il raffreddamento variano a seconda del tipo di vetro.
Gli strumenti più utilizzati per la lavorazione sono il diamante per tagliare la lastra, i setacci ed i pennelli per colorare e la mola per rifinire prima di cuocere nel forno. Per la colorazione si utilizzano polveri di vetro, graniglie, grisaglie, lustri ed ossidi metallici.
I pezzi – dopo essere stati tagliati, composti e colorati – vengono cotti nel forno sopra a polveri per evitare il contatto con il fondo. Successivamente, con cotture più basse (650-700°), si può procedere alla formatura negli stampi (di terracotta o di metallo). Con gli stampi si possono creare piatti, sculture, lampade, ecc.
Il vetro può essere lavorato a rilievo, tra due lastre, o a bassorilievo, a seconda dell’effetto che si vuole ottenere.
Come risultato finale si ottengono effetti materici, coloristici e di vetri traslucidi, opachi e satinati, di grande suggestione, che offrono all'ambiente un tocco di magia e di atmosfera e generano nel fruitore dell'opera d'arte sensazioni o sentimenti emotivamente coinvolgenti.